4459607885_7649b3a6ec_oMa chi quello? Ma non vedi che è sexy quanto una camomilla tiepida? Ma per carità? Non voglio morire di noia! E poi parla solo di lavoro, di politica, di economia, di tecnologia, di scienza, di storia, di archeologia, di farfalle… È impacciato, francamente non mi ispira per niente, non mi fa sangue. Sì, sarà pure il classico bravo ragazzo, affidabile, serio, stabile, che ti fa sentire sicura e protetta, non ti farà mai soffrire, è un libro aperto pieno di tante cose ok, però fascino zero! E poi guardalo! Lo baceresti? Puah, è uno sbarbatello, dà l’impressione che non abbia mai avuto una donna, che non ci sappia fare per niente, parla troppo per nascondere il suo nervosismo, troppo insicuro, lasciamolo alle sfigate questo tipo di uomini, a quelle che vogliono accontentarsi perché non potrebbero permettersi di meglio.
Io voglio l’altro, il rhum forte e deciso, quello che non deve chiedere mai, che ti stordisce anche con un solo sguardo, tenebroso, misterioso,5620685880_db10211554_o che parla solo di vita vissuta, di emozioni forti, di musica, concerti, viaggi, sì ok, parla anche delle tante donne che ha avuto e delle tante che lo vorrebbero avere ora, delle notti bagorde, ma tu nel frattempo muori dalla voglia di baciarlo, e di altro ancora. E poi è così affascinante, è un libro chiuso che non vedi l’ora di aprire e scoprire. Non mi convincerai mai ad uscire con le camomille tiepide cara amica sposata e sistemata! Io voglio stordirmi di rhum fino a crepare e strisciare per terra implorante che lui mi prenda con sé nella sua vita meravigliosa, piena di passione e di avventura. Sì, tu hai un bravissimo ragazzo come marito, però io non voglio fare la tua fine di donna frustrata senza emozioni forti, ma guardati come sei ridotta, per te il massimo della vita è un cinema! Di cosa parlate tu e tuo marito? Di mutui, bollette, scadenze, rate e poi? Finito lì il brivido della vita! Io non voglio ridurmi in questo stato, io voglio vivere.

10 anni dopo
Cara amica felicemente sposata da 10 anni perché non ti ho dato retta? Lui ancora non mette la testa a posto, dice che il matrimonio è troppo normale e che si sente soffocare, e sono solo tre anni che siamo sposati! Ma io lo so perché, ha conosciuto un’altra, lo so, questa volta non lo perdono però! Questa volta deve assumersi le sue responsabilità, è troppo comodo così: ha una moglie che lo accoglie a casa, che gli lava, stira, cucina, che gestisce tutte le spese, che gli amministra la vita pratica, mentre lui se ne esce con gli amici perché altrimenti gli manca l’aria! Altro che libro tutto da scoprire, il libro si è rivelato essere una raccolta di Playboy. Ha in mente solo le donne e come fare per piacere il più possibile. Io sono solo il trofeo per far contenti i genitori che lo volevano sistemato, la brava ragazza da sposare, carina, a posto, e abbastanza cretina da volerlo a tutti i costi! Ah, l’avessi lasciato perdere da subito invece di intestardirmi come una mula cieca davanti ad un toro accecato.
Aiuto, ho bisogno di una camomilla calda per calmare la tensione! Altro che rhum! Avevi ragione mia cara amica con due splendidi bambini e un marito con cui condividere la vita. Lui a sentir parlare di bambini dice sempre che è troppo presto e che non è pronto, ha il suo cane, che ha comprato in uno dei suoi acquisti eccessivi, e che ora accudisco io! Gli fa una carezza, ci gioca un po’ e poi via con gli amici a divertirsi. Non so che darei per andare a vedere un semplice cinema con lui, una passeggiata, una cena romantica come i primi tempi, quando mi adulava e mi riempiva di frasi piene d’amore. E poi i suoi discorsi, sempre gli stessi, rimpiange persino le sue ex, una per un motivo e una per un altro, a volte fa anche paragoni poco carini. Sì, mi sono ingrassata un po’, ma sono ancora una donna piacente, e che cavolo! Ancora guarda l’aspetto fisico di una donna e critica anche il centimetro. Che uomo immaturo mi sono andata a sposare.

Morale della favola
La morale di questo ipotetico dialogo tra due amiche, molto stigmatizzato e pieno di luoghi comuni proprio per renderlo molto semplice nei suoi elementi fondamentali (è chiaro che la realtà è piena di variabili), è la seguente: bevete camomille tiepide e lasciate perdere il rhum! Meglio morire di noia che di cirrosi!
Poi a ben guardare, non è la noia che ci spaventa quando conosciamo un ragazzo il cui unico scopo nella vita non è quello di essere seduttivo, lo riteniamo poco interessante perché ci parla di molte cose che a noi non interessano, rivelando la nostra superficialità e scarsa cultura. Con l’altro, il bello e piacione, ci sentiamo professoresse, i nostri tre libri letti in croce superano di gran lunga l’unico libro letto da lui dal titolo “Tutto sulla palestra”. E poi il sex-appeal da cosa è dato? Cosa vuol dire affascinante? Il fascino è la sicurezza di sé, ma spesso lo scambiamo per seduzione. Essere seduttivi è una cosa, essere affascinanti è un’altra. L’essere seduttivi presuppone una personalità bisognosa di conferme esterne, proprio perché non si hanno sicurezze interne. La cura dell’aspetto esteriore, dell’abbigliamento, del corpo diventa un mezzo il cui fine è la conquista di quante più donne possibili. Il fascino è proprio il contrario della seduttività. Per questo solo le donne interiormente povere, senza sicurezza interna, hanno bisogno di “quello che- apparentemente- piace a tutte”, sono due diversi tipi di insicurezza che vanno a bracetto: quella di lei che ha bisogno di sposare il più bello e ambito del quartiere, e quella di lui, più profonda, che ha bisogno di piacere a tutte le donne del quartiere!

(fonte immagine 1; fonte immagine 2)

Annunci