Woman Unbuttoning Man's Pants --- Image by © Klawitter Productions/Corbis

Mi è capitato di vedere qualche tempo fa una trasmissione televisiva da titiolo “Sex advice”, una specie di reality in cui degli “esperti” danno consigli agli adoloscenti su come vivere la sessualità (anche con il nobile intento di prevenire malattie sessualmente trasmissibili e gravidanze indesiderate, e non solo su come provare maggiore piacere). L’età consigliata dalla speaker del programma per avere il primo rapporto completo è 16 anni, sapendo che gli adolescenti di oggi iniziano già qualche anno prima, 16 anni sembra attualmente un’età già responsabilmente matura.

Nelle interviste le ragazze riferivano di voler somigliare alle dive del porno perché ai ragazzi piace quel modo di fare sesso e “se li vuoi conquistare devi essere come loro!”
Le briglie dell’Eros si sono sciolte, e ora ripenso alla grande preoccupazione di Freud nel suo saggio “Eros e Civiltà”: abbiamo accantonato un po’ di istinto sessuale selvaggio per accapparrarci un po’ di sicurezza. E se l’istinto ritorna? La sicurezza che fine fa? Sembra che siano incompatibili! O fai sesso a destra e a manca senza contenimento con gli annessi disordini sociali oppure te ne stai lì buono buono a fantasticare storie sessuali sfrenate mentre coccoli la tua unica donna senza la probabilità di beccarti un pugno da un ragazzetto che si diverte a colpire per gioco il primo passante!
Le regole sessuali sono necessarie per l’ordine sociale? Sembravano così repressive e antiquate eppure la loro assenza inizia a farsi sentire. Era meglio curare un po’ d’isteria che gestire l’antisocialità!

Annunci